Archeologia

Archeologia

Comune di Giulianova
Città di Giulianova

Notizie correlate

05-02-2020
Sabato 8 febbraio, a partire dalle ore 17.30 al Kursaal di Giulianova Lido, si avrà la presentazione del volume Abruzzo ....
20-12-2019
Da domenica 22 dicembre il Polo Museale Civico di Giulianova accompagnerà grandi e piccini, con vari appuntamenti di visite ....
26-10-2019
Durante l’ultimo sopralluogo al cantiere della Pinacoteca Civica di Palazzo Bindi, in occasione della visita della ....
18-10-2019
Nuovo sopralluogo della Soprintendenza archeologia, belle arti e paesaggio dell’Abruzzo a Palazzo Bindi per seguire ....
05-10-2019
Domenica 13 ottobre per la prima volta il Polo Museale Civico di Giulianova parteciperà alla "Giornata nazionale delle ....

Eventi correlati

Data: 08-02-2020
Luogo: Kursaal, Lungomare monumentale - ore 17.30
Data: 29-12-2019
Luogo: Loggiato "R. Cerulli" sotto piazza Belvedere - ore 16.30

Immagini correlate

Campagna giuliese
Piazza della Libertà - Giulianova Alta
Centro storico
Porto di Giulianova
Archeologia

Sei in:

Home Page » La Città » Archeologia
Icona freccia bianca

Degli importanti reperti archeologici rinvenuti nel territorio di Giulianova nel corso l’Ottocento, oggi ben poco rimane. Epigrafi, reperti e materiali nella quasi totalità sono andati perduti, rimanendo di essi traccia in alcune descrizioni, saggi e resoconti.

Una testimonianza visibile della presenza romana è presente al bivio Bellocchio, nei pressi dell’incrocio tra la Statale per Teramo e la nazionale adriatica, vicino all’edificio della scuola. Si tratta di un ponte, che doveva trovarsi sul fossato di Castrum Novum Piceni, con arco a tutto sesto ed intradosso realizzato in sesquipedali. Presenta pareti in conglomerato pozzolanico con ciottoli e frammenti di pietre e laterizi. A tre chilometri da qui, in direzione Teramo, sulla destra, dietro una casa e vicino all’imbocco per via Cupa, esistono ancora i resti di “muracche”, cioè tombe, realizzate con gli stessi materiali del ponte. Per alcuni collegata ad una domus romana e secondo altri di origine medievale è una cisterna ubicata nel giardino di villa Maria Immacolata, su via Gramsci. E’ costituita da un gran locale, diviso in tre navate: queste sono coperte con volte a botte sorrette da tre ordini di archi perpendicolari e poggianti, oltre che sulle pareti, su sei pilastri. Da qui dipartono dei cunicoli sotterranei la cui lunghezza rimane ancora ignota.

Le campagne di scavo condotte a partire da un ventennio fa, hanno permesso di scoprire, oltre a strutture in pietre di fiume, laterizi, resti di pavimentazioni domestiche in mosaico e a due cisterne di diverse dimensioni, anche una necropoli posizionata ai piedi della collina sulla quale sorgeva l’abitato romano. Le quindici tombe sinora rinvenute, quasi tutte coperte con frammenti di tegoloni e coppi di riutilizzo, oppure con tegoloni interi (bipedales), hanno restituito boccalini, coppe ed ollette insieme con lucerne ed altri oggetti personali.
Di grande interesse sono anche le numerose anfore rinvenute negli strati di terra sottostanti alle sepolture, dovute, come si ipotizza, alla presenza nel sito di un magazzino utilizzato per il carico e lo scarico delle merci precedente alla riconversione dell’area in sepolcreto. Si tratta di anfore di forma Lamboglia 2, molto diffuse lungo le coste del Mare Adriatico tra la fine del II secolo a. C. e la fine del I secolo a. C, utilizzate per il trasporto via mare del vino, dell’olio e del garum, una salsa di pesce di cui gli antichi romani erano ghiotti.
Appartenenti al I secolo d.C. sono le lucerne pure scoperte recentemente, riconducibili alla presenza di un laboratorio artigianale operante a Castrum Novum Piceni. Notevole è la varietà dei temi iconografici: accanto a scene erotiche o di ispirazione mitologica e a motivi zoomorfi e floreali, le anfore presentano anche immagini gladiatorie, venatorie o desunte dai soggetti di vita reale.
Medievale invece, benché poggiante su resti romani, è l’avanzo di torre nell’angolo sud-est del vecchio cimitero, riconducibile alle strutture difensive di Castel S. Flaviano, rimodellate su quelle bizantine. 

Condividi questo contenuto

Responsabile del Procedimento di Pubblicazione - Privacy - Note legali - Posta Elettronica Certificata - Feed RSS

Comune di Giulianova - Corso Garibaldi, 109 - 64021 Giulianova (TE) - Codice Fiscale e Partita IVA: 00114930670

Centralino: +39 085.80211 - E-mail: info@comune.giulianova.te.it - Posta Elettronica Certificata: protocollogenerale@comunedigiulianova.it

Il portale del Comune di Giulianova è un progetto realizzato da ISWEB S.p.A. con la soluzione eCOMUNE

- Inizio della pagina -
Il progetto Comune di Giulianova è sviluppato con il CMS ISWEB® di ISWEB Srl www.internetsoluzioni.it